Come scegliere una buona auto per neopatentati: la legge non è tutto

Come possiamo scegliere l’auto ideale per neopatentati? Sono i limiti di legge l’unica limitazione che dovremmo tenere a mente? Oppure bisognerebbe quantomeno cercare di occuparsi anche di altre questioni?

Secondo noi non possiamo soltanto guardare ai limiti di potenza imposti per legge a chi ha conseguito da poco tempo la patente.

C’è altro che contribuisce a rendere una vettura perfetta per chi si avvicina alla guida per la prima volta e sarà proprio questo l’oggetto del nostro approfondimento di oggi.

La potenza non è l’unico fattore della sicurezza per un neopatentato

La legge impone per i neopatentati degli stringenti limiti per quanto concerne la potenza del veicolo, tramite calcoli relativamente complessi che devono tenere conto sia del peso, sia appunto della potenza e della cilindrata del veicolo.

Oltre alla potenza però (e a speciali limiti di velocità), la legge non si occupa di altri aspetti che riteniamo decisamente fondamentali per fornire ad un diciottenne o comunque a chi ha appena conseguito la patente di guida.

Se è vero che gli obblighi di legge devono essere necessariamente seguiti, è altrettanto vero che nell’opzionale si può fare davvero la differenza. Questo vale, a nostro modesto avviso, sia per le questioni che riguardano più direttamente l’economia, sia per quelle che invece riguardano più da vicino appunto la sicurezza e il comfort di chi guida.

Il risparmio non è importante, o meglio, non è il primo punto della nostra ricerca

Certo, non vorremmo assolutamente spendere un patrimonio per una vettura che, almeno per alcuni, dovrà essere guidata per pochi anni, per poi essere sostituita.

In verità però andando a scegliere un marchio di seconda o di terza fascia, il rischio è quello di trovarci ad affrontare spese decisamente più alte.

Da un lato le riparazioni, dall’altro consumi meno efficienti, tutto, scegliendo una vettura di scarsa qualità, può purtroppo portare a spese troppo alte, che vanno immediatamente a rendere inutile il risparmio conseguito al momento dell’acquisto.

Quello che dobbiamo cercare in una buona auto per neopatentati è il compromesso ideale tra i costi di acquisto e la qualità della vettura.

La sicurezza è importante: anche qui un buon marchio può davvero fare la differenza

Chi ha appena conseguito la patente non è un guidatore esperto, ed è proprio questa la ratio dietro i limiti imposti per legge. Se è vero che guidare un veicolo poco potente può sicuramente aiutare i novelli guidatori a non commettere errori, è altrettanto vero che la sicurezza non può essere demandata esclusivamente alla bassa potenza.

Un buon veicolo da mettere nelle mani di chi ha imparato da poco a guidare deve essere dotato di tutti gli ultimi ritrovati in termini di sicurezza e di guida assistita.

Ritrovati che soltanto i grandi marchi dell’auto, quelli che ne hanno fatto la storia, possono oggi offrirti.

Una buona auto acquistata oggi può essere guidata per anni

Se è vero che l’auto per neopatentati viene associata appunto ad un periodo particolare della vita del conducente, nulla ci vieta comunque di continuarla a guidare anche quando non saremo più soggetti ai limiti imposti dalla legge.

Scegliere una buona auto per neopatentati vuol dire potenzialmente fare un investimento per il medio e lungo periodo.

E anche nel caso in cui tu fossi certo di voler sostituire l’auto non appena il neopatentato non sarà più tale, acquistare un’auto di qualità vuol dire avere un veicolo più facile da vendere e che conserverà meglio il suo valore.