Le origini di WhatsApp

WhatsApp è una società creata nel 2009 da Jan Kuom, un ucraino nato in un villaggio alla periferia di Kiev, e Brian Acton, un americano che ha lavorato per Adobe, Apple e Yahoo prima di diventare co-fondatore della piattaforma di messaggistica mobile che è stata acquistata il 19 febbraio 2014 per la straordinaria cifra di 19 miliardi di dollari, una delle più grandi transazioni nella storia della tecnologia.

La vita di Jam Kuom è stata segnata dalla guerra e dalla precarietà cresciuto in una casa  senza elettricità o acqua calda. Unico figlio di una casalinga e di un imprenditore edile, come è stato descritto nel suo profilo sulla rivista “Forbes”.

L’ormai multimilionario è cresciuto nel mezzo della Guerra Fredda nel 1976. Nel contesto storico della sua infanzia, il clima politico ucraino è stato caratterizzato da restrizioni, povertà e ansia. Lo Stato ha calpestato l’individualità e violato la privacy dei cittadini.

 Le intercettazioni telefoniche facevano parte delle dinamiche quotidiane, tanto che a

in casa di Koum il telefono era raramente  usato, poiché le  intercettazioni telefoniche facevano parte delle dinamiche quotidiane, e Koum e la sua famiglia erano ebrei. La famiglia ha vissuto  nella paura della polizia segreta. 

Arrivano in  California,  nelle verdi terre di Mountain View, la stessa città dove ora si trovano gli uffici WhatsApp e il campus monumentale di Google.

All’età di 18 anni, si interessò ai computer e a 19 anni comperò il suo primo PC. È caratterizzato dal suo spirito autodidatta, si è unito a un gruppo di ” hacker “chiamato woowoo sulla piattaforma Internet Relay Chat Network, secondo quanto riportato da Forbes.

Internet Relay Chat esiste ancora, anche se la sua popolarità è diminuita, soprattutto a causa della crescita dei social network e delle applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp. 

Come lo stesso Jan ammette nel suo profilo professionale di LinkedIn, abbandonò gli studi,  una curiosa somiglianza con altre leggende della Silicon Valley come Bill Gates, Steve Jobs e Mark Zuckerberg. 

Una funzione molto utile delle app di messaggistica è quella dei gruppi di acquisto o dei canali Telegram, che permettono di tenersi aggiornati su determinate categorie merceologiche e sui relativi sconti.